rivoluzione interioreNel mondo sono così tante le cose che non funzionano che a volte mi chiedo: “Come posso dare una mano affinché qualcosa cambi? Come posso essere attiva su tutti i fronti? Oppure, come faccio a scegliere a chi destinare il mio aiuto? Gli immigrati, le api che scompaiono, il caso Cucchi, i vaccini selvaggi, le persone a me vicine in difficoltà, i volontari del paese, Medici senza frontiere… Troppo!”.

L’unica risposta concreta che posso darmi è mantenermi vigile e attiva sul piano energetico, affinché il mio personale miglioramento nella consapevolezza si amplifichi dentro e intorno a me.

Una vita che cerca la centratura è una vita che stimola la centratura anche intorno a sé

Osho parlava di rivoluzione interiore e il mio personale percorso mi porta a credere che questa sia l’unica via per generare il cambiamento nel mondo. Altrimenti si rischia di costruire sulla sabbia. O di non costruire proprio.

Quando, ad esempio, si riunisce il gruppo di guarigione di LoveHealing, un cambiamento immediato si attiva sia in chi invia l’energia che in chi la riceve. I movimenti energetici precedono i fatti sul piano fisico. Per esempio, prima penso di fare una cosa, poi la agisco; prima desidero vivere un certo stato, poi lo vivo (il discorso è analogo nel caso io lo tema, ma non approfondisco qui per evitare di disperdere il focus).

Ecco perché diventare coscienti delle proprie immense potenzialità e delle stupefacenti risorse che l’universo ci nette a disposizione significa automaticamente cambiare il mondo, a partire da quello a noi vicino.

E voi… come cambiate il mondo?

Se il mondo non funziona, io faccio la rivoluzione… interiore

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *