come superare l'attaccamento

Lasciare andare, liberarsi, non pensarci più e soprattutto non “sentirlo” più emotivamente: che sia verso una persona, una situazione, una cosa o un ambiente… fra poco leggerai, e se vorrai praticherai, un facile rituale per capire come superare l’attaccamento energetico.


Cos’è l’attaccamento

Prima del rituale che ti indica come superare l’attaccamento, facciamo un po’ di chiarezza sul termine stesso: cos’è l’attaccamento?

Secondo la psicologia, quest’attitudine include tutti quegli schemi comportamentali che si sviluppano durante i primi mesi di vita del bambino, e che gli consentono di mantenere certa prossimità con la figura materna.

Invece, secondo le discipline orientali, come il Buddismo, l’attaccamento è quell’insieme di legami che l’essere umano crea rispetto alle cose, al tempo, alle situazioni, alle persone, ecc. Si potrebbe vedere come il tentativo dell’ego di mantenere una posizione di potere rispetto allo spirito, che per sua natura è libero.

Possiamo riassumere gli effetti dell’attaccamento con questa massima attribuita al Buddha:

«Dall’attaccamento sorge il dolore, dal dolore sorge la paura. Per colui che è totalmente libero, non c’è attaccamento, non c’è dolore, non c’è paura».

Ecco perché l’attaccamento rende l’uomo schiavo, mentre il non attaccamento ci rende esseri liberi di spaziare nel mondo e nei livelli di coscienza.


Su quale radio sei sintonizzata?

I nostri pensieri e le emozioni che proviamo non sono forme astratte, ma veri e propri set di vibrazioni che ci costringono a camminare sempre dentro lo stesso perimetro.

Fondamentalmente, ciascuno di noi è come un’antenna radio sintonizzata sempre sulle stesse onde: al mattino ti alzi e ricevi Radio Maria; a pranzo la tua mente trasmette Radio Rai e verso sera manda in onda RTL. Insomma, dopo un po’… sai che noia!

Per approfondire questo argomento, puoi seguire il mini-corso “Il bicchiere mezzo pieno”, ancora per poco in distribuzione gratuita qui.

Per superare l’attaccamento, quindi, c’è bisogno di individuare il set di vibrazioni che ti tengono legata al tuo ex, a tuo figlio che ormai è uscito di casa, all’amica che non frequenti più, piuttosto che al tuo primo lavoro, al fallimento di un progetto, alla casa che non sei riuscita ad avere, oppure alla collezione di francobolli di quando eri dodicenne, al vecchio giradischi che non gira più, a quel giorno così incantevole… Niente di tutto ciò esiste più nel presente e ogni tentativo di trattenerlo è energia sprecata. In alcuni casi potrebbe essere addirittura dannosa.

Ti stai chiedendo come superare l’attaccamento, dunque? Cambia vibrazioni e lo avrai allentato. Vediamo come, grazie a questo semplice rituale.


Come superare l’attaccamento energetico: un rituale da fare in mezz’ora

Ora siamo pronti per scoprire come funziona questo piccolo e semplice rituale in tre step, che ti aiuterà a cambiare vibrazioni, sciogliendo pensieri ed emozioni coagulati.

1) Procurati:

  • 2 fogli bianchi
  • una penna
  • quanti colori vuoi
  • se vuoi un incenso o palo santo per purificare la stanza
  • una mezz’ora tutta per te
  • massima sincerità con te stessa

2) Scrivi su un foglio:

  • una descrizione della situazione/persona/oggetto/ricordo a cui sei attaccata e che vuoi lasciare andare
  • le emozioni collegate a quella situazione/persona/oggetto/ricordo

3) Ora prendi l’altro foglio, lasciati ispirare dai colori e disegna quelle emozioni, liberamente, permettendo alla tua mano di scorrere creativamente. Non è una performance, non devi produrre un capolavoro, ma solo trasferire su carta quelle emozioni.

In questo modo, aiuterai il tuo inconscio a sganciare le emozioni dall’oggetto del tuo attaccamento. Immagina due anelli di una catena: uno è l’oggetto e l’altro le emozioni che ti suscita. Niente di più che questo… Se apri l’anello delle emozioni e lo leghi al disegno realizzato dalle tue mani, avrai fatto una piccola grande magia: avrai sciolto un legame che impediva la tua libertà!

Come superare l’attaccamento può essere più facile di quel che si pensa, ma so che per molti – anche per me 😉 – spesso è una montagna dura da scalare.


Anche per te lasciare andare certe situazioni, persone, oggetti, ricordi è un’operazione difficile a volte? Raccontalo con un commento, oppure, se preferisci, scrivimi in privato e ti risponderò comunque volentieri!


[Foto: Colton Sturgeon su Unsplash]

Come superare l’attaccamento: un facile rituale

MI DICI LA TUA? Scrivi il tuo commento qui sotto...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *