scrigno occhiOcchi negli occhi: ed esplode un big bang! Uno sguardo ne incontra un altro, due mondi si intercettano. E’ solo un istante, ma ha la stessa potenza generatrice di un big bang: emozioni che esplodono in fuochi d’artificio, brividi che scuotono i fasci nervosi, ricordi che borbottano in capannelli rumorosi nell’inconscio… E affiora una mimica diversa nel volto, nei pensieri e negli atteggiamenti, che vengono condizionati da chi abbiamo davanti o, meglio, dall’idea che abbiamo di lui/lei! Tutto dentro di te si conforma per accogliere l’interlocutore.

Ti sei mai chiesto/a perché quando incrociamo un altro sguardo si smuove così tanto dentro di noi? E, soprattutto, ti sei mai accorto/a che quell’istante è uno scrigno prezioso di consapevolezza per un ricercatore?

Il mondo in uno sguardo

Quante volte ti sei accorto/a dallo sguardo che una persona non te la stava raccontando proprio tutta? Oppure che aveva voglia di dirti qualcosa ma si tratteneva? O che forse aveva ben altro in mente rispetto a quanto ti stava comunicando?

Nello sguardo si condensa il nostro mondo interiore: incontrare un’altra persona negli occhi significa accedere in pochi istanti alla sua intimità, magari già manifesta attraverso parole o atteggiamenti, poco importa, ma di fatto entri in diretto contatto con un suo strato profondo, intimo, forse anche antico. “Gli occhi sono lo specchio dell’anima”, si dice, perché riflettono emozioni, paure, desideri… anche quelli non espressi!

Attraverso lo sguardo cogliamo i sentimenti e gli stati d’animo di una persona, capiamo se si trova in un momento di attenzione o di scarsa lucidità, riusciamo a intuire quello che pensa di noi e di ciò che le abbiamo appena detto. Gli occhi, dunque, sono lo specchio del nostro interlocutore, dei suoi modi, delle sue inclinazioni, della sua sensibilità, del suo carattere, dei suoi pensieri… Attraverso uno sguardo possiamo cogliere molte più informazioni su una persona che ascoltandola parlare per ore!

Al tempo stesso, anche i nostri occhi riflettono chi siamo e la nostra intimità! Prova a osservarti mentre parli con qualcuno se lo guardi negli occhi: riesci a cogliere le emozioni che si muovono in te? A capire quale flusso di pensieri innesca quell’incontro, quali atteggiamenti attiva, quali eventuali protezioni, quali strategie, quali forse impercettibili movimenti del tuo corpo?

Un incontro doppiamente profondo

Un incrocio di sguardi è doppiamente profondo perché in quell’istante le matrici di due mondi si mettono a nudo e si incontrano senza veli. Dagli occhi traspaiono i nostri pensieri e le sfumature delle nostre emozioni, se non siamo abili camuffatori.

Spesso evitiamo di guardare gli altri negli occhi e ora ti sarà probabilmente più chiaro che potrebbe essere perché:

  • abbiamo pudore/vergogna di noi stessi: “Mi vergogno a mostrarmi così come sono!”;
  • non abbiamo voglia di entrare in relazione vera con un altro mondo, magari per proteggerci, oppure per evitare di esporre all’esplorazione di estranei i nostri territori privati, o per chissà quali altri motivi…
  • temiamo quella persona, forse perché non siamo sufficientemente attrezzati per gestire quella relazione;
  • siamo così persi nel nostro mondo che non troviamo più il ponte di comunicazione verso l’altro!

Sono tutte casistiche frequenti e ciò che è importante, nel proprio percorso di trasformazione interiore, è osservarsi nei vari frangenti: l’incontro con gli occhi di un’altra persona è un momento prezioso per il suo alto contenuto di informazioni. E’ un vero e proprio scrigno ricolmo di noi!

Come aprire lo scrigno

Come ogni scrigno che si rispetti ;), in un primo momento è chiuso anche quello che ci si manifesta quando il nostro sguardo affonda negli occhi di un altro. Quel momento ci sfiora senza lasciare traccia apparente, e così ci perdiamo tutto il valore che contiene!

Se, come immagino, anche tu che mi leggi sei un ricercatore e non vuoi lasciarti sfuggire nuove preziose consapevolezze, allora ti suggerisco di prenderti qualche istante interiore per osservarti durante il tuo prossimo incontro con gli occhi di un altro, e di porti subito queste domande:

  • qual è l’emozione che predomina in me in questo momento?
  • quali pensieri mi sono arrivati?
  • come si sta muovendo il mio corpo?

E poi lascia che affiorino le tue risposte… sono certa che con questo piccolo esercizio ricaverai tantissime risposte!

Quando scrivo che uno sguardo innesca un big bang è perché ho osservato che cosa accade dentro di me: provaci anche tu, sono certa che rimarrai stupefatto/a da quanto scoprirai! E se vorrai condividerlo qui, potrebbe aiutare qualcun altro ad aprire il proprio scrigno!

 

Lo scrigno dentro agli occhi

MI DICI LA TUA? Scrivi il tuo commento qui sotto...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *