Personalità: come nascono le maschere

“Brava bambina, fai sempre quello che ti dice la mamma!!!”
“Sei un ometto, non serve che piangi!”

E poi chi te lo fa fare, da grande, di seguire i tuoi istinto profondo, se il tuo bambino interiore rischia di perdere l’amore dei genitori?!

La creazione della personalità con le sue maschere avviene nei primi anni di vita, quando il bambino viaggia in onde Delta e Theta ed è altamente ricettivo: beve con una spugna ciò che gli offrono i suoi autorevoli modelli, la sua fonte di vita. Che quell’acqua sia cristallina di sorgente o che sia contaminata da credenze limitanti che poi inquineranno la sua vita, lui beve comunque.

È solo crescendo che si accorge se in lui ci sono insegnamenti puri o scorie di antichi condizionamenti.

Come si riconoscono le maschere?

Un adulto indossa naturalmente le maschere che ha costruito sin dall’infanzia per evitare le ferite. Tuttavia, come una medaglia, ogni maschera ha due lati: la protezione e la prigione.

Come possiamo riconoscere una maschera che ci imprigiona?

Innanzitutto manca la felicità: se la maschera non ci lascia respirare, stiamo vivendo in superficie senza riuscire ad attingere al pozzo profondo e vivificante dell’essenza.

E poi ci sono tanti piccoli allarmi: relazioni che si spiaggiano incagliandosi nella loro stessa pesantezza, denaro che arriva risicato come un pezzo di groviera, il lavoro che ingabbia fra barre sottili ma resistenti a ogni tentativo di scardinarle. E via allarmandosi… Ciascuno di noi ne ha almeno un po’ di esperienza, vero?!

Una personalità si forma nella relazione con altre persone: lì nasce una storia in cui tu sei l’attore principale, poi ci sono un’infinità di comparse e solo pochi attori di primo piano, per lo più i genitori.

Nell’intrecciare queste relazioni, crei in te un’impalcatura fatta di modi di essere, di sentire, di comportarti, di vedere te stesso e il mondo. Questa impalcatura ti sostiene durante il corso di tutta la tua vita e al tempo stesso ti limita.

Quali meccanismi mantengono viva la personalità?

In quale modo l’impalcatura della personalità può rimanere intatta per tutta una vita, superando le trasformazioni e le inevitabili pressioni dell’esistenza?

Fatte salve le situazioni in cui traumi ed eventi eccezionali costringono l’adulto a rivedere le proprie percezioni di sé e del mondo, oppure i percorsi di crescita personale e ricerca spirituale, che modificano dall’interno la visione di se stessi, la conservazione della personalità si appoggia a meccanismi sottili e persistenti, che giorno dopo giorno la nutrono e la rafforzano.

In particolare, è nel dialogo fra il giudice interiore (super-ego) e il bambino (ego) che reagisce alla sua autorità, che la personalità prende linfa vitale, quel nutrimento costante che la mantiene viva e attiva. Mentre l’autorità introiettata (il giudice interiore) aggredisce o manipola, il bambino interiore può reagire in tre diverse modalità: lotta, fuga o congelamento. E, guarda caso, di solito quando ti trovi in difficoltà reagisci combattendo, scappando o rimanendo nell’immobilità.

Ciascuno ha la propria modalità privilegiata, ma il risultato non cambia: sei in balia del gioco fra la personalità, con le sue ricercate maschere, e la tua rappresentazione del mondo.

In questo continuo rimpallo fra doveri e obbedienza, comandi ed evasioni, Tu dove sei? Che cosa è rimasto di Te, della tua essenza di bambino felice?

Piano piano, senza che tu te ne accorgessi, quel senso di leggerezza ed espansione che vivevi nel tuo piccolo corpo si è perso per strada. Piano piano, ti sei dimenticato chi sei. Piano piano, ti sei convinto di essere la maschera che indossi.

Lascia che queste domande si depositino in te, se vuoi, e che il tuo inconscio vada alla ricerca delle risposte e delle azioni in grado di scalfire quella maschera che ti sta incollata al volto. E poi, se vuoi, raccontami le risposte che ti arrivano…


Le meditazioni attive di Osho sono una modalità meravigliosa per prendere coscienza della distanza fra le maschere e l’essenza.
Il seminario residenziale “Dalle maschere all’essenza” è un salto quantico per chi desidera comprendere come usare le proprie maschere senza farsene usare, mantenendo al centro la propria essenza.

Personalità: come nascono le maschere

MI DICI LA TUA? Scrivi il tuo commento qui sotto...

Tag:     

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *